Dibattitto aperto sui fini dell’impresa

Come introdotto nell'Editoriale del numero 1/2020, Impresa Progetto - Electronic Journal of Management apre un dibattitto sul tema dei fini dell'impresa, alla luce del recente Statement on the Purpose of a Corporation della Business Roundtable. La proposta di dibattito è stata poi ulteriormente articolata alla luce dell'emergenza sanitaria e degli stimoli alla riflessione che ne derivano.

Quanti desiderano intervenire nel confronto possono inviare i loro contributi secondo le modalità specificate nel documento di Addendum alla proposta di dibattito.

Dove vanno le nostre discipline. I contributi di Sergio Sciarelli e Giuseppe Usai

Essays
On issue: 
Field: 
Accounting and Business Adm.
Authors: 
Abstract: 

Gli interrogativi posti negli editoriali di ImpresaProgetto continuano a suscitare l’interesse della comunità degli aziendalisti. Dove stanno andando le nostre discipline in termini di contenuti, metodologie, rapporti con gli altri saperi? Qual è il loro posto nei nuovi corsi di studio delle Facoltà di Economia? E ancora qual è il peso scientifico, culturale e più in generale la nostra funzione civile?
Come evidenziato anche nel Convegno AIDEA dell’ottobre scorso, i punti di vista appaiono differenziati e talvolta in contrapposizione, segno di vitalità e vivacità che chiedono di essere esplicitate e confrontate. Le brevi riflessioni di Sergio Sciarelli e di Giuseppe Usai forniscono stimoli ulteriori. In particolare, la distinzione – prospettata da Sciarelli – tra la figura dell’analista aziendale e la figura del gestore aziendale merita di essere approfondita in vista di una possibile divisione di compiti tra “ex-ragionieri” ed “ex-tecnici”. Per converso Giuseppe Usai, di fronte alla frantumazione del sapere, conseguente anche alla proliferazione dei settori scientifico-disciplinari, individua nella organizzazione, intesa come collettività di soggetti umani che insieme svolgono una attività finalizzata, la base per una possibile integrazione conoscitiva.
Il discorso continuerà nei prossimi numeri della rivista con il contributo, già preannunciato, di altri autorevoli Colleghi. Vedremo poi come tirare le fila.